22.1.22

the playlist - mix 04





Tracklist Mix 04


Gypsytronic (Balkantronika)
Pretty Woman (TootArd)
Hope (KPD)
Stop "Remember On Streamix" (Indy Lopez)
Ani Kuni (Polo & Pan)
Versaro (Angelov)





18.1.22

Leggera (Maria Grazia Di Biagio)

© FRANK FOSTER





LEGGERA


Capita spesso che mi stanco 
di trascinarmi appresso il peso 
di questo corpo fragoroso 
intriso di attributi 
ridondante di aggettivi 
contraddittorio. 
Allora scelgo l'anima 
rabberciata, rattoppata ma
leggera saggia presenza muta 
e vado senza meta  
senza desideri. I più non vedono. 
Pochi si voltano verso il non rumore.
Un cane la fiuta. 
Guarda che bella 
quell'anima nuda.


- Maria Grazia Di Biagio -






13.1.22

the playlist - mix 03

 




Tracklist Mix 03


Freeman (Mattafix)
Saturn (Sharked)
Il sabato del villaggio cyborg (ZEROPOESIE Project)
Back Home 2018 Digital Remaster (Proleter)
1/7/1979 (Rob Viktum)
Balcoon (Bachar Mar-Khalifé)
Victory (Gramatik)






8.1.22

Episodio 011 "La recensione al nuovo Kindle Paperwhite (11° - generazione 2021)"

 




Ascolta l'episodio 011 di
ZEROPOESIE Project Podcast!

Se desideri seguire lo show audio
direttamente con l'App podcast che preferisci





TRASCRIZIONE Episodio 011


"Bentornati! Questo è il podcast di ZEROPOESIE Project! Ebbene sì, ho acquistato il nuovo Kindle Paperwhite… per leggere in maniera ottimale i sempre più numerosi libri digitali, che fanno parte della mia collezione.


Da circa un mese, questo eReader è stato aggiornato all'undicesima generazione. Una delle novità più interessanti è la crescita della diagonale dello schermo… ora è uno schermo più grande: di 6,8 pollici, con anche una diminuzione dei bordi. In pratica ora è possibile leggere più testo in una schermata rispetto al modello precedente. Dopo vi andrò ad elencare qualche altra caratteristica tecnica, ma voglio sottolineare che questa non ha intenzione di essere una recensione comparativa - oppure dettagliata dal punto di vista delle prestazioni hardware - non è il mio mestiere.


La mia recensione è quella di un appassionato lettore,  nulla di più. Quindi facciamo un passo indietro. Mi sono avvicinato alla lettura in digitale - circa 10 anni fa - con il primo Kindle Paperwhite. Quel primo eReader ha fatto un ottimo lavoro. Alla faccia dell’obsolescenza programmata! Ha funzionato fino a due anni fa... Nel corso di questi 10 anni si sono susseguiti diversi modelli… gradualmente... fino ad arrivare ad oggi. Devo dirvi che ho la tendenza a non abbandonare mai nulla di tecnologico finché funziona bene… sono fatto così.


Allora, un paio di anni fa non avevo più un eReader funzionante, però mi ero messo in testa di utilizzare il tablet Amazon (il Kindle Fire) sia per leggere eBook che i fumetti in digitale. Per cercare in qualche maniera di avvicinarmi il più possibile alla resa del testo a cristalli liquidi… al tablet avevo fatto applicare sullo schermo una pellicola opaca antiriflesso. Ok, si può fare! Ma dopo un po’ vi mancherà leggere da un eReader Kindle, saranno i vostri occhi che vi imploreranno tregua!


Già mi immagino una delle vostre possibili obiezioni, tipo: Perché parli solo del Kindle? Esiste anche Kobo e tecnicamente è anche superiore! Guardate è tutto vero… come vi ho detto, sono molti anni che conosco il settore dei libri digitali. Quando nel 2013 acquistai il mio primo eReader il Kobo non era ancora disponibile in Italia… anzi a dirla tutta la stessa Amazon era appena approdata in questo settore, in Italia. Immaginate che all’epoca fui tentato di acquistare un eReader marchiato ibs.it rispetto ad altri e-commerce di libri digitali che in quel periodo nascevano come funghi.


E nonostante alla fine presi il Kindle, per qualche anno mi convinsi (sbagliando) che era meglio acquistare i libri digitali senza DRM… quindi li acquistavo da vari store, ma non su Amazon. Questa scelta, mi costringeva a caricare manualmente tramite il PC i file dei libri. Dopo averli convertiti in MOBI... Ok, avete capito! Oggi, pare tutto così assurdo, ma vi assicuro che non era facile immaginare che poi Amazon sarebbe diventata l’azienda di riferimento per il settore dell’editoria digitale.


Ecco perché ora ho acquistato nuovamente un eReader marchiato Amazon… è un dato di fatto, gli sconti più interessanti sui libri digitali sono qui. Se siete lettori forti - a mio modo di vedere - Amazon è l’azienda giusta! Altre caratteristiche che rendono il Kindle Paperwhite undicesima generazione un buon acquisto, è la resistenza a leggeri schizzi di acqua. E’ bellissimo leggere nelle istruzioni che però… non è consigliabile fare delle immersioni subacquee… e sì… perché leggere nel fondo del mare insieme ad Aquaman è il nostro sogno segreto!


A parte scherzi, questo modello ha anche una tecnologia che rende lo scorrere delle pagine più rapido, ha una presa usb-c per la ricarica, ha una batteria che vi durerà un mese lasciando il dispositivo in stand-by… anche l’illuminazione funziona molto bene - per quando si legge in situazioni con poca luce - questo modello ha 17 led regolabili con estrema semplicità. Credo di avervi detto le caratteristiche principali. Io mi sto trovando benissimo, e se siete interessati all’acquisto del nuovo Kindle Paperwhite qui trovate il link.


Detto questo, per oggi è tutto! Per le vostre opinioni o anche domande… vi invito a scrivermi su Twitter. Utilizzando l’hashtag ZEROPOESIE."



4.1.22

ISAAC - Audiolibro completo [Parte 04]

 






Puoi ascoltare qui la Parte 04
dell'audiolibro "ISAAC un romanzo di Mikael Compo".

La versione cartacea è disponibile
al prezzo di Euro 7,80.









2.1.22

the playlist - mix 02

 



Tracklist Mix 02


La quiete dopo la tempesta elettrica (ZEROPOESIE Project)
WeAreTheYouth (Electric Youth)
Manipulieren (Housemeister)
Revival X (Lento Violento)
Storia di Laura (Murubutu)





Episodio 010 "Due metodi per scoprire nuovi podcast da ascoltare!"

 





Ascolta l'episodio 010 di
ZEROPOESIE Project Podcast!

Se desideri seguire lo show audio
direttamente con l'App podcast che preferisci







TRASCRIZIONE Episodio 010


"Bentornati! Questo è il podcast di ZEROPOESIE Project! Vi piacciono i podcast? Mese dopo mese anche in Italia il fenomeno podcasting prende sempre più piede. Ascoltare podcast da attività di nicchia, per pochi appassionati di tecnologia… un pochino per volta… diventa un’abitudine quotidiana di sempre più persone. C’è chi dice che nel 2022 avverrà la svolta definitiva, che andrà a consolidare il trend. Staremo a vedere!

Mi viene in mente un tweet di risposta che mi arrivò da un utente su Twitter… mi disse in maniera ironica: Evidentemente chi ascolta i podcast non ha nulla da fare nella vita! Perché tra lavoro, famiglia e impegni vari… come si fa a trovare anche il tempo per mettersi ad ascoltare?.

Ma come per tutte le novità, bisogna prima provarle prima di chiudersi a riccio. Ascoltare podcast non ruba il vostro tempo -  se non ne avete da perdere - ad esempio nel tragitto che tutti noi percorriamo giorno dopo giorno, con l’automobile… con un semplice cavetto collegato all’entrata AUX dell’autoradio… possiamo ascoltare i podcast presenti nella nostra app preferita. Non è indispensabile avere un autoradio Android! Come già sapete è tutto più semplice di quello che sembra. Poi, è probabile che riuscirete a ritagliarvi anche altro tempo per ascoltare i nuovi episodi presenti nella vostra playlist.

Giustamente voi ascoltatori… potreste trovare superfluo quello che ho detto fino ad ora… perché ora state ascoltando un podcast… e non voglio rubarvi il tempo… arriviamo al punto! Come possiamo scoprire sempre nuovi podcast da ascoltare? Vi andrò ad elencare due metodi che nel corso degli ultimi anni ho collaudato… e continuo ad applicarli per dare da mangiare alla mia playlist… che ha sempre fame di nuovi episodi da ascoltare.

Chi mi segue su Twitter… mi ha visto più volte che chiedevo consigli per scoprire nuovi show audio… ed ecco il risultato! Il primo metodo che mi sento di consigliarvi… è utilizzare il sito internet Audiocast.itAudiocast è online da più di 15 anni ed è un punto di riferimento in Italia; nel suo interno trovate ben organizzati numerosi show podcast in lingua italiana.

Scusatemi… una piccola parentesi… i due metodi che vi presento sono parziali… nel senso che non esiste alcun metodo per conoscere davvero tutti i podcast prodotti in Italia. Ma utilizzando questi consigli ne potrete scoprire davvero tanti. Tornando al sito Audiocast.it… sono gli stessi produttori dei podcast che aggiungono il loro show all’interno della directory. Io trovo molto utile cliccare sulla pagina che trovate in alto - nella Home del sito - la pagina è intitolata “Podcast Italiani”. Nella pagina è possibile filtrare la ricerca… di solito seleziono l’opzione “Ultimo episodio”... e guardo se ci sono nuovi show che non ho mai ascoltato.

Oltre a cercare i nuovi podcast all’interno dell’App che utilizziamo abitualmente. Come Spotify, Google Podcast, Castbox eccetera… il secondo metodo è usare Twitter. Ma come si fa? Semplice… se siete utenti del social… avviate una ricerca con l’hashtag podcast (link) e come per magia si creerà un elenco con i singoli tweet inerenti all’argomento. Con questo tipo di ricerca negli ultimi mesi ho trovato dei podcast freschi e interessanti. Bene, questi erano i due metodi. E’ ovvio che per trovare sempre qualcosa di nuovo da ascoltare dovrete avviare questo tipo di ricerche regolarmente.
Detto questo, per oggi è tutto! Per le vostre opinioni o anche domande… vi invito a scrivermi su Twitter. Utilizzando l’hashtag ZEROPOESIE."