27.9.21

Episodio 004 "Descrizione traccia 7 e traccia 6"

 




Ascolta l'episodio 004 di
ZEROPOESIE Project Podcast!

Se desideri seguire lo show audio
direttamente con l'App podcast che preferisci







Episodio 003 "Descrizione traccia 4 e traccia 5"





Ascolta l'episodio 003 di
ZEROPOESIE Project Podcast!

Se desideri seguire lo show audio
direttamente con l'App podcast che preferisci









24.9.21

La vita solitaria (Giacomo Leopardi)

 


Da Agosto 2021 è disponibile il mio primo Album di musica elettronica.
Ho pensato di firmarmi come ZEROPOESIE Project, perché in un certo senso la poesia è chiamata in causa.
Sei brani su sette sono dedicati al grande poeta Giacomo Leopardi! Qui di seguito una delle poesie (in versione integrale) che è stata omaggiata:








LA VITA SOLITARIA (Giacomo Leopardi)



La mattutina pioggia, allor che l'ale
Battendo esulta nella chiusa stanza
La gallinella, ed al balcon s'affaccia
L'abitator de' campi, e il Sol che nasce
I suoi tremuli rai fra le cadenti
Stille saetta, alla capanna mia
Dolcemente picchiando, mi risveglia;
E sorgo, e i lievi nugoletti, e il primo
Degli augelli susurro, e l'aura fresca,
E le ridenti piagge benedico:
Poiché voi, cittadine infauste mura,
Vidi e conobbi assai, là dove segue
Odio al dolor compagno; e doloroso
Io vivo, e tal morrò, deh tosto! Alcuna
Benché scarsa pietà pur mi dimostra
Natura in questi lochi, un giorno oh quanto
Verso me più cortese! E tu pur volgi
Dai miseri lo sguardo; e tu, sdegnando
Le sciagure e gli affanni, alla reina
Felicità servi, o natura. In cielo,
In terra amico agl'infelici alcuno
    E rifugio non resta altro che il ferro.
Talor m'assido in solitaria parte,
Sovra un rialto, al margine d'un lago
Di taciturne piante incoronato.
Ivi, quando il meriggio in ciel si volve,
La sua tranquilla imago il Sol dipinge,
Ed erba o foglia non si crolla al vento,
E non onda incresparsi, e non cicala
Strider, né batter penna augello in ramo,
Né farfalla ronzar, né voce o moto
Da presso né da lunge odi né vedi.
Tien quelle rive altissima quiete;
Ond'io quasi me stesso e il mondo obblio
Sedendo immoto; e già mi par che sciolte
Giaccian le membra mie, né spirto o senso
Più le commova, e lor quiete antica
    Co' silenzi del loco si confonda.
Amore, amore, assai lungi volasti
Dal petto mio, che fu sì caldo un giorno,
Anzi rovente. Con sua fredda mano
Lo strinse la sciaura, e in ghiaccio è volto
Nel fior degli anni. Mi sovvien del tempo
Che mi scendesti in seno. Era quel dolce
E irrevocabil tempo, allor che s'apre
Al guardo giovanil questa infelice
Scena del mondo, e gli sorride in vista
Di paradiso. Al garzoncello il core
Di vergine speranza e di desio
Balza nel petto; e già s'accinge all'opra
Di questa vita come a danza o gioco
Il misero mortal. Ma non sì tosto,
Amor, di te m'accorsi, e il viver mio
Fortuna avea già rotto, ed a questi occhi
Non altro convenia che il pianger sempre.
Pur se talvolta per le piagge apriche,
Su la tacita aurora o quando al sole
Brillano i tetti e i poggi e le campagne,
Scontro di vaga donzelletta il viso;
O qualor nella placida quiete
D'estiva notte, il vagabondo passo
Di rincontro alle ville soffermando,
L'erma terra contemplo, e di fanciulla
Che all'opre di sua man la notte aggiunge
Odo sonar nelle romite stanze
L'arguto canto; a palpitar si move
Questo mio cor di sasso: ahi, ma ritorna
Tosto al ferreo sopor; ch'è fatto estrano
    Ogni moto soave al petto mio.
O cara luna, al cui tranquillo raggio
Danzan le lepri nelle selve; e duolsi
Alla mattina il cacciator, che trova
L'orme intricate e false, e dai covili
Error vario lo svia; salve, o benigna
Delle notti reina. Infesto scende
Il raggio tuo fra macchie e balze o dentro
A deserti edifici, in su l'acciaro
Del pallido ladron ch'a teso orecchio
Il fragor delle rote e de' cavalli
Da lungi osserva o il calpestio de' piedi
Su la tacita via; poscia improvviso
Col suon dell'armi e con la rauca voce
E col funereo ceffo il core agghiaccia
Al passegger, cui semivivo e nudo
Lascia in breve tra' sassi. Infesto occorre
Per le contrade cittadine il bianco
Tuo lume al drudo vil, che degli alberghi
Va radendo le mura e la secreta
Ombra seguendo, e resta, e si spaura
Delle ardenti lucerne e degli aperti
Balconi. Infesto alle malvage menti,
A me sempre benigno il tuo cospetto
Sarà per queste piagge, ove non altro
Che lieti colli e spaziosi campi
M'apri alla vista. Ed ancor io soleva,
Bench'innocente io fossi, il tuo vezzoso
Raggio accusar negli abitati lochi,
Quand'ei m'offriva al guardo umano, e quando
Scopriva umani aspetti al guardo mio.
Or sempre loderollo, o ch'io ti miri
Veleggiar tra le nubi, o che serena
Dominatrice dell'etereo campo,
Questa flebil riguardi umana sede.
Me spesso rivedrai solingo e muto
Errar pe' boschi e per le verdi rive,
O seder sovra l'erbe, assai contento
Se core e lena a sospirar m'avanza.




P.S.

Questa poesia è tratta da CANTI
edizione Liber Liber.
Puoi scaricare l'intero libro
dal seguente link:


22.9.21

Texone Magnus (Rizzoli Lizard)

 




"Texone Magnus
2014
(Rizzoli Lizard)"


La migliore edizione realizzata del Texone di Magnus (La valle del terrore).
In OMAGGIO il Texone "Tex L'inesorabile" di Claudio Villa!









17.9.21

INVINCIBLE (Anno 1-2-3)


 


"Invincible
 Anno 1-2-3 Cofanetti più Sequenza 1-24
(Saldapress)"


La serie a fumetti che ha ispirato la nuova Serie TV Amazon! L'offerta comprende i tre cofanetti (Anno 1-2-3). All'interno dei primi due cofanetti troverete la sequenza di "Invincible - prima edizione Saldapress" numeri da 1 a 24. In OMAGGIO all'interno del terzo cofanetto troverete altri 12 fumetti spillati!








16.9.21

Il mondo di Mafalda, Omnibus

 




"Il mondo di Mafalda
1990 (Bompiani)"


L'introvabile omnibus che raccoglie tutte le strisce di Quino, dedicate a Mafalda. Questo è un cartonato di ben 900 pagine, zeppo di approfondimenti! E' un volume per veri intenditori del Fumetto, ormai fuori stampa da tempo. In ottime condizioni.








14.9.21

Episodio 002 "Descrizione traccia 2 e traccia 3"

 




Ascolta l'episodio 002 di
ZEROPOESIE Project Podcast!

Se desideri seguire lo show audio
direttamente con l'App podcast che preferisci








12.9.21

Episodio 001 "Introduzione e Descrizione traccia 1"

 




Ascolta l'episodio 001 di
ZEROPOESIE Project Podcast!

Se desideri seguire lo show audio
direttamente con l'App podcast che preferisci









Il mio nuovo podcast disponibile su ZeroPoesie!





A grande richiesta
vi annuncio che il mio nuovo show audio
"ZEROPOESIE Project Podcast"
sarà disponibile anche come player online
su ZeroPoesie!








5.9.21

Il sabato del villaggio (Giacomo Leopardi)



Da Agosto 2021 è disponibile il mio primo Album di musica elettronica.
Ho pensato di firmarmi come ZEROPOESIE Project, perché in un certo senso la poesia è chiamata in causa.
Sei brani su sette sono dedicati al grande poeta Giacomo Leopardi! Qui di seguito una delle poesie (in versione integrale) che è stata omaggiata:







IL SABATO DEL VILLAGGIO (Giacomo Leopardi)



La donzelletta vien dalla campagna,
In sul calar del sole,
Col suo fascio dell'erba; e reca in mano
Un mazzolin di rose e di viole,
Onde, siccome suole,
Ornare ella si appresta
Dimani, al dì di festa, il petto e il crine.
Siede con le vicine
Su la scala a filar la vecchierella,
Incontro là dove si perde il giorno;
E novellando vien del suo buon tempo,
Quando ai dì della festa ella si ornava,
Ed ancor sana e snella
Solea danzar la sera intra di quei
Ch'ebbe compagni dell'età più bella.
Già tutta l'aria imbruna,
Torna azzurro il sereno, e tornan l'ombre
Giù da' colli e da' tetti,
Al biancheggiar della recente luna.
Or la squilla dà segno
Della festa che viene;
Ed a quel suon diresti
Che il cor si riconforta.
I fanciulli gridando
Su la piazzuola in frotta,
E qua e là saltando,
Fanno un lieto romore:
E intanto riede alla sua parca mensa,
Fischiando, il zappatore,
    E seco pensa al dì del suo riposo.
Poi quando intorno è spenta ogni altra face,
E tutto l'altro tace,
Odi il martel picchiare, odi la sega
Del legnaiuol, che veglia
Nella chiusa bottega alla lucerna,
E s'affretta, e s'adopra
    Di fornir l'opra anzi il chiarir dell'alba.
Questo di sette è il più gradito giorno,
Pien di speme e di gioia:
Diman tristezza e noia
Recheran l'ore, ed al travaglio usato
    Ciascuno in suo pensier farà ritorno.
Garzoncello scherzoso,
Cotesta età fiorita
È come un giorno d'allegrezza pieno,
Giorno chiaro, sereno,
Che precorre alla festa di tua vita.
Godi, fanciullo mio; stato soave,
Stagion lieta è cotesta.
Altro dirti non vo'; ma la tua festa
Ch'anco tardi a venir non ti sia grave.





P.S.

Questa poesia è tratta da CANTI
edizione Liber Liber.
Puoi scaricare l'intero libro
dal seguente link: