10.2.20

Sibilla (Giuseppina Masci)

© TOUGS




SIBILLA


Sagoma che ai miei occhi 
da lontano 
tenebra appari, 
accovacciata 
nel tuo stretto manto. 
Ti riveli,
regina, 
incastonata di diamanti. 
Come hai pensato d'essere amante 
per un poco 
di una tela! 
Inquieta Sibilla, 
abiti nell'interno della veste scura 
e attendi là 
su quella terra 
dove l'infinito bene 
il vento 
non lo spazza via.


- Giuseppina Masci






3.2.20

Il banchiere








Con quanta arroganza mi osserva. Ma chi si crede di essere? E non vede che si sta rendendo ridicolo? Per non parlare della sua inadeguatezza, cozza visibilmente con l'elegante arredamento che ho scelto. Com'è vestito? Non siamo mica in spiaggia a sollazzare...
Accendo il collegamento interfono e chiedo alla segretaria <<Mi scusi Alberta, mi sa dire chi è quel tipo inguardabile in sala d'aspetto?>>. Alzo un po' il tono della voce, perché non risponde? <<... Alberta! Ha sentito?>>. E lei <<Sì sì direttore, mi scusi. Non l'ha riconosciuto? E' il nuovo sindaco>>.

<<Carissimo sindaco, come sono lieto di incontrarla! Ha davvero tolto di mano la città - mi lasci dire - alla gestione precedente fallimentare. Una gestione antica, vecchia, ci voleva proprio uno come lei: giovane, con nuove idee per la città. Sicuramente dall'approccio più easy ma anche energico e trascinatore. Mi dica, cosa posso fare per lei?>>.